Dopo un lungo periodo di piogge rare ed isolate, legate per lo più esclusivamente a peggioramenti a carattere temporalesco, tornano finalmente precipitazioni diffuse che riusciranno ad apportare accumuli decenti su tutto il territorio regionale. A dire il vero ci saranno zone che rischieranno anche eventi critici ed alluvionali, come l’alto Piemonte e la fascia appenninica al confine con la Liguria, a causa delle forti correnti di Libeccio che convoglieranno il grosso delle piogge contro le Alpi e lo sparti acque degli Appennini.

Il peggioramento è legato ad una profonda saccatura nord atlantica che nei giorni scorsi ha iniziato la sua discesa dalle Isole Britanniche fin verso il Mediterraneo. La nuvolosità parziale di ieri era legata al primo debole richiamo di aria umida mentre le piogge iniziate in nottata sono già l’antipasto del clou che arriverà a partire dalle prossime ore.

La parte più attiva della perturbazione interesserà quindi il pomeriggio e la serata odierna, per andare poi lentamente ad esaurirsi nella mattinata di domani. Lascerà alle sue spalle accumuli diffusi ma disomogenei, con picchi anche di alcune centinaia di millimetri su alto e basso Piemonte ed in Liguria legati alla disposizione delle correnti da sud ovest.

Il pinerolese non sarà interessato dai fenomeni più intensi ma dovrebbe comunque ricevere una abbondante quantità di pioggia, quantificabile in una forbice che andrà dai 30mm ai 50mm partendo dalla pianura e spostandosi sui rilievi. La quota neve si attesterà a quote decisamente elevate, partendo dai 2500m per poi salire ulteriormente.

Le condizioni meteorologiche andranno poi rapidamente a migliorare nella giornata di sabato partendo proprio dalla fascia occidentale, con le schiarite che abbracceranno tutta la Regione entro il pomeriggio. Il sole resterà a farci compagnia, alternato a quale nuvola, fino al pomeriggio/sera di domenica. Da quel momento la nuvolosità tornerà ad aumentare a causa di un secondo impulso perturbato sempre legato all’area di bassa pressione citata in precedenza, con la possibilità di qualche precipitazione già nella serata domenicale.

Le temperature si manterranno stabili o in leggero calo nei valori massimi, in aumento le minime a causa della copertura nuvolosa. L’aria più fredda al seguito delle due perturbazioni è attesa infatti per l’inizio della prossima settimana.

Buon weekend a tutti!