L’estate di San Martino entrerà a pieno regime a partire da questa settimana, complice una vasta ed ingombrante presenza anticiclonica su tutta l’Europa centro occidentale che caratterizzerà le condizioni meteorologiche sulle nostre zone per almeno 7/10 giorni.

Non ci sarebbe molto da dire perché in queste situazioni la dinamicità atmosferica si appiattisce completamente, lasciandoci alle prese con tempo stabile e spesso soleggiato e con temperature sopra la media del periodo a tutte le quote. In queste condizioni saranno poi escursione termica ed inversione termica a lavorare intensamente a causa del ristagno d’aria in pianura. Inquinanti ed umidità saliranno di concentrazione e torneranno le nebbie, mentre dalle medie quote il sole continuerà a splendere e spesso farà più caldo in alta montagna rispetto alle pianure dove tra nebbia ed aria fredda ferma al suolo ci saranno temperature più basse.

L’unica variazione sul tema da segnalare sarà la probabile temporanea rotazione delle correnti dai quadranti sud occidentali nella giornata di giovedì, a seguito di una temporanea flessione dei valori di pressione in quota che lasceranno spazio ad un flusso meridionale più umido. La giornata sarà quindi caratterizzata da nuvolosità bassa più consistente a ridosso dei rilievi e nel cuneese, dove non sono da escludere locali pioviggini. Tra la serata e la mattinata di venerdì le nuvole si diraderanno per consentire un nuovo generalizzato miglioramento.

Come accennato prima, avremo quindi temperature massime decisamente miti per il periodo, che sfioreranno i 14/16 °C nelle zone dove la nebbia sarà meno presente mentre solo al mattino farà leggermente più fresco con valori minimi intorno a 5/7 °C. Qualche grado in meno sui rilievi dove comunque saremo abbondantemente oltre la media del periodo.

Buona settimana a tutti!