La prima decade di gennaio ci ha regalato un inizio anno decisamente invernale, con tantissima neve in quota e molta pioggia, per pochi decimi di grado, in pianura. Il weekend che sta per terminare si è infine rivelato più soleggiato del previsto, in quanto la perturbazione attesa per oggi è passata sul nord ovest senza colpo ferire.

La settimana entrante si rivelerà altrettanto soleggiata, complice un temporaneo aumento dei valori di pressione dovuti ad una rimonta anticiclonica sul centro ovest europeo. Visto però l’effettivo posizionamento dei massimi pressori, la nostra regione resterà esposta a correnti più secche nord occidentali che porteranno ad un aumento della ventilazione in quota e nelle vallate, con locali raffiche di Foehn, e che consentiranno alle temperature minime in aperta pianura di scendere ancora di qualche ulteriore grado sotto lo zero.

Non c’è molto altro da segnalare per il periodo preso in considerazione, in quanto il cielo si manterrà per lo più quasi sempre sereno salvo addensamenti nuvolosi sui rilievi occidentali dovuti alle correnti da nord ovest, ai quali però non saranno associate precipitazioni di alcun genere. Dato il mancato interessamento delle aree di pianura da parte della ventilazione favonica, non sono da escludere locali foschie o banchi di nebbia nelle ore notturne.

Le temperature resteranno stabili nei valori massimi, che difficilmente saliranno oltre i 4/5 °C. Potrebbero invece ulteriormente scendere di qualche grado le temperature minime, con punte di -5/-6 °C. Leggero aumento dei valori termici sui rilievi, che dovrebbero nuovamente superare la soglia dei -10 °C grazie anche all’intensificazione della ventilazione.

Buona settimana a tutti!