Il tempo nei primi giorni di febbraio pare essersi “addormentato” proponendo una serie di giornate quasi fotocopia, con nubi basse e/o nebbie quasi onnipresenti in pianura e schiarite alternate a veloci passaggi nuvolosi in montagna; il tutto accompagnato da valori termici piuttosto miti, sicuramente non linea con ciò che si può attendere in questo periodo dell’anno. La causa è da ricercarsi nella presenza di un promontorio anticiclonico di stampo africano tra la Libia ed il centro-sud Italia, contrapposto ad una saccatura depressionaria atlantica che dalla Gran Bretagna si estende addirittura verso il Marocco: il risultato è un tempo stabile sulle nostre zone (grazie all’anticiclone) ma disturbato dal richiamo di deboli ed umide correnti meridionali nei medio-bassi strati (per effetto della saccatura depressionaria).

L’area di bassa pressione ispanico-marocchina tenderà lentamente a spostarsi verso l’Europa ed il Mediterraneo occidentale, trasportando tra domani e domenica un’attiva perturbazione che porterà delle precipitazioni non trascurabili sul pinerolese (nevose a quote medio-alte). La cartina sottostante mostra la situazione barica a livello europeo prevista per la giornata di domani:

Si nota la saccatura depressionaria sull’Europa occidentale che convoglia correnti umide da S-SW sulle nostre zone, mentre il promontorio anticiclonico nord-africano mantiene il tempo stabile, soleggiato e piuttosto caldo per il periodo sul sud Italia. L’anticiclone delle Azzorre resta defilato in pieno oceano Atlantico alle basse latitudini, mentre più a nord troviamo il flusso perturbato atlantico. Tra la Scandinavia, la vicina Russia e l’Europa orientale è invece presente un’estesa circolazione depressionaria colma di aria gelida, che per il momento non ha alcuna influenza per il tempo delle nostre zone ma porterà nei giorni seguenti freddo intenso fin verso la Gran Bretagna.

La perturbazione porterà i suoi massimi effetti nel pomeriggio-sera di domani, per poi lasciare spazio ad una domenica in cui il sole potrà farsi nuovamente vedere tra le nubi, soprattutto nel pomeriggio.

La giornata odierna trascorrerà con cielo nuvoloso o coperto in pianura per nubi medio-basse, con la possibilità di qualche leggera pioviggine sparsa; cielo più aperto in montagna, specialmente in alta valle. Temperature massime intorno ai 10 °C in pianura, intorno ai 5 °C a 2000 metri con zero termico sui 2800-3000 metri.

La giornata di domani partirà più o meno come è trascorso oggi, con cielo nuvoloso o coperto in pianura e nubi alternate a sprazzi di sole in montagna. Ulteriore aumento della nuvolosità a partire dai rilievi dalla tarda mattinata, con cielo ben coperto dappertutto per il resto della giornata; prime precipitazioni sui rilievi intorno all’ora di pranzo, in estensione ed intensificazione a tutto il pinerolese nel corso del pomeriggio, con fenomeni a tratti moderati soprattutto tra il tardo pomeriggio e la sera. Nevicate a quote superiori a 1500 metri, in leggero calo in serata fin sui 1200-1300 metri. Temperature minime intorno o poco superiori ai 5 °C in pianura; massime solo leggermente più alte delle minime (non più di 2-3 °C), quindi con escursione termica diurna quasi azzerata.

La giornata di domenica vedrà ancora della nuvolosità compatta in mattinata con qualche residua debole precipitazione sparsa; parziale miglioramento nel corso della giornata a partire dai rilievi, con schiarite alternate a passaggi nuvolosi. Temperature minime circa stazionarie, con valori intorno o poco superiori ai 5 °C in pianura; massime in leggero aumento ed intorno ai 10 °C.

Seppur dalla durata di qualche ora, il peggioramento atteso dovrebbe scaricare in modo uniforme alcuni mm di pioggia / cm di neve, con accumuli complessivi previsti fino a 15-20 mm entro domenica sera: