L’ondata di caldo di stampo africano in atto su tutta l’Italia, che sta portando e porterà caldo piuttosto intenso al centro-sud per diversi giorni, avrà un’influenza piu’ ridotta sul nord Italia ed ancor di piu’ sulle nostre zone, dove si manifesterà esclusivamente nella giornata odierna per poi rapidamente lasciare spazio al fresco e ai temporali. Infatti, una vasta saccatura depressionaria di origine atlantica in avanzamento verso l’Europa occidentale, la quale indirettamente ha invogliato l’anticiclone africano ad estendersi verso l’Italia, farà sentire i suoi effetti sulle regioni nord-occidentali a partire dalla mattina di domani, mediante un flusso di aria meno calda e piu’ umida dai quadranti sud-occidentali che attiverà diversi rovesci o temporali anche di forte intensità, soprattutto nel corso del pomeriggio. La cartina sottostante mostra la situazione barica a livello europeo prevista per la giornata di domenica:

Si nota la saccatura depressionaria atlantica situata sull’Europa occidentale, alimentata da aria piu’ fredda di origine nord-atlantica e richiamante aria piu’ calda ed umida da SW fin verso il NW d’Italia. In pieno oceano Atlantico è presente l’anticiclone delle Azzorre, mentre quello africano si estende dalla Tunisia verso il centro-sud Italia ed in parte verso il nord-est ed i Balcani. Piu’ ad est troviamo una modesta area di bassa pressione con aria piu’ fresca al suo interno, “accerchiata” dall’anticiclone africano e da un secondo anticiclone sulla vicina Russia.

La giornata odierna trascorrerà con cielo generalmente sereno o poco nuvoloso sia in pianura che sui rilievi, ad eccezione di qualche velatura a tratti e della formazione della classica nuvolosità cumuliforme pomeridiana sui rilievi, ma senza alcuna possibilità di evoluzione in rovesci o temporali. Ventilazione debole o assente. Temperature massime in lieve aumento, con valori diffusamente oltre i 30 °C in pianura e punte fino a 32-33 °C; condizioni di afa moderata, soprattutto nelle ore serali.

La giornata di domani, dopo una notte tutto sommato tranquilla, partirà già con nuvolosità a tratti compatta per tutta la mattinata, a causa del transito dei primi impulsi instabili dalla Francia, con moto da SW verso NE, che favoriranno le prime deboli precipitazioni soprattutto sui rilievi. A partire dall’ora di pranzo l’instabilità tenderà notevolmente ad accentuarsi, con una prima probabile passata di rovesci o temporali anche intensi prima sui monti e poi sulle zone di pianura, sempre con moto medio SW-NE; sarà però nel tardo pomeriggio, dopo un intervallo di tempo soleggiato, che è prevista la formazione di altri temporali mediamente piu’ intensi e diffusi, con possibili forti raffiche di vento e grandinate oltre che un generale forte calo termico, con le temperature in pianura che in poco tempo potranno portarsi intorno ai 20 °C dopo i circa 30 °C del primo pomeriggio. Fenomeni ancora possibili in serata, con ulteriori rovesci o temporali sparsi. Temperature minime stazionarie od in lieve aumento, con valori in pianura che faticheranno molto a scendere sotto i 20 °C; massime come già accennato intorno ai 30 °C, prima del netto calo termico dal tardo pomeriggio.

I temporali dovrebbero seguire una “linea privilegiata”, che parte dai rilievi per poi portarsi verso gran parte della pianura pinerolese e poi verso il canavese e l’alto Piemonte. Meno interessato il cuneese ed in genere tutto il basso Piemonte, come si nota nella cartina seguente che mostra le precipitazioni cumulate entro la serata di domani: