E’ un tempo che piu’ somiglia ad una fine estate piuttosto che ad un autunno conclamato, quello che ci sta accompagnando e ci accompagnerà per il weekend (oltre che per l’inizio della prossima settimana). L’anticiclone africano è tornato ad interessare con decisione tutto il centro-sud d’Italia, in particolare la Sardegna, e in maniera piu’ marginale anche il nord Italia, riportando le temperature massime giornaliere in pianura vicine ai 30 °C. Sarà però costretto ad indebolirsi dalla giornata di domani per l’avvicinarsi dalla Francia di una modesta saccatura depressionaria atlantica, la quale nella giornata di domenica influenzerà negativamente il tempo delle nostre zone portando un po’ di instabilità, in un contesto termico pur sempre non freddo per la fine di settembre. La cartina sottostante mostra la situazione barica a livello europeo prevista per la giornata di domenica:

Si nota la saccatura depressionaria centrata sulla Francia, che riesce ad estendere la sua influenza anche sul nord Italia mediante l’attivazione di correnti in quota umide ed instabili dai quadranti sud-occidentali. L’anticiclone africano tende leggermente a ritirarsi verso sud, mentre le correnti perturbate atlantiche scorrono impetuose tra il medio-alto Atlantico e la Gran Bretagna.

La giornata di domani inizierà con cielo già nuvoloso o coperto in pianura ed in media-bassa valle, a causa dell’inserimento di umide correnti meridionali nei medio-bassi strati; cielo ancora sereno o poco nuvoloso in alta valle. Nel pomeriggio ci sarà il transito di nubi piu’ organizzate in movimento da SW verso NE, con la possibilità di isolate e deboli precipitazioni soprattutto sui rilievi al confine con la Francia. Cielo temporaneamente piu’ libero da nubi in serata ma solo in media-alta valle. Temperature minime intorno o poco inferiori ai 15 °C in pianura, con punte vicine ai 10 °C nelle zone di aperta campagna lungo il Po; massime poco inferiori ai 25 °C.

La giornata di domenica sarà caratterizzata da cielo spesso coperto già prima dell’alba, con possibili deboli precipitazioni un po’ per tutta la giornata. Data la direzione delle correnti in quota, i fenomeni risulteranno piu’ intensi sui rilievi al confine con la Francia (ed in generale su tutto il Piemonte orientale e settentrionale), ma dei deboli rovesci non sono da escludere anche altrove in mattinata e tra le 15 e le 17, appena prima della rotazione delle correnti a W-NW che favorirà un progressivo miglioramento dl tempo in serata. Temperature minime in lieve aumento ed intorno o poco superiori ai 15 °C in pianura; massime in calo e difficilmente oltre i 20 °C in pianura.