Sembra proprio che questa volta la stagione autunnale 2021 inizi a mostrare il suo volto grigio, umido e piovoso: il che ovviamente può far dispiacere molte persone, soprattutto se ricade nel ponte di Ognissanti, ma d’altra parte è anche atteso con ansia per mettere fine alla lunga condizione di siccità che interessa il nostro territorio. L’anticiclone si sta ritirando dall’Europa occidentale e da gran parte del Mediterraneo, lasciando libero accesso alle correnti perturbate atlantiche verso gran parte dell’Europa centro-meridionale, Italia compresa. Diverse perturbazioni a catena, piu’ o meno intense e veloci, interesseranno il pinerolese da oggi a lunedì e poi probabilmente per l’intera settimana prossima, portando piogge diffuse e le prime nevicate sui monti a quote medie (1500-1700 metri); il peggioramento piu’ intenso è atteso nella prima parte di lunedì, quando una perturbazione piu’ organizzata farà cadere diversi mm di pioggia in modo diffuso. La cartina sottostante mostra la situazione barica europea prevista per la giornata di lunedì:

Si nota un profondo ed esteso vortice depressionario centrato sulla Scozia, che estende la sua influenza fino alla Francia, a gran parte della Spagna ed al centro-nord Italia mediante un flusso di venti umidi dall’Atlantico ed in particolare con una intensa perturbazione in procinto di attraversare il nord Italia. Altri minimi depressionari sono situati sui Balcani ed in pieno oceano Atlantico, mentre l’anticiclone è costretto ad arretrare verso latitudini piuttosto meridionali.

La giornata odierna sarà caratterizzata interamente da cielo nuvoloso o coperto in pianura ed in media-bassa valle, mentre in alta valle ci sarà un temporaneo e parziale miglioramento in serata. Precipitazioni per lo piu’ deboli ed intermittenti in spostamento a ovest verso est, tendenti a cessare del tutto temporaneamente in serata. Ventilazione generalmente di debole intensità. Temperature massime in pianura intorno ai 10 °C, con zero termico sui 1800-2000 metri.

La giornata di domani seguirà la falsariga di quella odierna, con cielo sempre per lo piu’ coperto ad eccezione di qualche possibile parziale e temporanea apertura in alta valle in tarda serata. Precipitazioni deboli o a tratti moderate nelle prime ore del mattino, tendenti a divenire deboli ed intermittenti per il resto della giornata. Ventilazione di debole intensità. Temperature minime in pianura poco inferiori ai 10 °C, massime circa stazionarie ed intorno ai 10 °C (escursione termica diurna ridotta ai minimi termini); zero termico in lieve risalita sui 2000-2200 metri.

La giornata di lunedì, Ognissanti, vedrà il passaggio della perturbazione piu’ intensa della serie in mattinata, con cielo coperto e precipitazioni spesso moderate ma in rapido spostamento da ovest verso est. Netto miglioramento in alta valle intorno all’ora di pranzo con qualche schiarita, mentre altrove cesseranno i fenomeni ma il cielo resterà ancora spesso nuvoloso fino a sera. Quota neve sui 2000-2200 metri. Ventilazione inizialmente debole dappertutto, in rinforzo in media-alta valle dal pomeriggio con raffiche di Foehn moderate. Temperature minime e massime circa sui valori di domani, con zero termico poco oltre i 2000 metri.

Entro lunedì sera è prevista cadere una discreta quantità di precipitazioni sul pinerolese, pur senza particolari accumuli ed inferiori ad altre zone del Piemonte, a causa della direzione dei venti in quota da S-SW ad accompagnare il transito della perturbazione piu’ intensa (e non da S-SE che favorisce molto di piu’ le nostre zone). Primi cm di neve a partire dai 2000 metri.