Sarà una settimana in cui non ci faremo mancare nulla, fatto salvo le precipitazioni che dovrebbero evitare le vallate e le pianure pinerolesi per concentrarsi sui rilievi e sull’est della regione. Soprattutto sarà la settimana che ci riporterà verso temperature più consone al periodo invernale e nel weekend, forse, si rivedrà la neve a quote collinari.

Andando però con ordine, tra domani e martedì le aree di pianura avranno a che fare con nebbie diffuse durante le ore notturne ed al mattino, mentre durante il giorno il loro parziale sollevamento darà luogo a nuvolosità bassa e persistente. Resisterà invece il cielo sereno sulla fascia montuosa salvo il passaggio di velature alte, con temperature in calo rispetto alla parentesi primaverile dei giorni scorsi ma che resteranno comunque abbondantemente sopra media (domani zero termico a 3000m in successivo calo verso i 2000m).

La situazione cambierà a partire dalla serata di martedì quando un fronte atlantico approccerà l’arco alpino dai quadranti nord occidentali, portando nella successiva nottata deboli nevicate sui rilievi di confine e qualche pioggia sul Piemonte orientale.

Inutile evidenziare come questa configurazione causerà un aumento della ventilazione da nord ovest a tutte le quote, con intensità elevate sui rilievi ed il ritorno del Foehn. Questa volta le raffiche non si limiteranno ad interessare le vallate occidentali ma sfonderanno, nella giornata di mercoledì, fino in pianura.

Le condizioni meteorologiche, salvo l’intensa ventilazione presente, miglioreranno rapidamente con il cielo che andrà a rasserenarsi nel pomeriggio/sera di mercoledì e che si manterrà sgombro di nubi anche per tutta la giornata di giovedì.

A livello termico le temperature subiranno un graduale calo che si subirà una netta accentuazione proprio a metà settimana per l’afflusso di aria più fredda in seno alla perturbazione che interesserà marginalmente mercoledì la nostra regione. La diminuizione sarà inizialmente più marcata in quota mentre in pianura sarà in un primo momento ammortizzata dal vento di Foehn, che lascerà successivamente spazio al ritorno del freddo dalla mattinata dell’Epifania, quando ci saranno valori sotto zero a tutte le quote. Più mite in giornata ma con valori massimi non superiori a 5/7 gradi in pianura.

Buona settimana a tutti!