Prosegue la quasi assoluta monotonia del tempo sulle nostre zone, che sta ormai caratterizzando gran parte di questa stagione invernale senza soluzione di continuità. A dir la verità, proprio durante il weekend in corso l’anticiclone semi-permanente sull’Europa occidentale si indebolirà e si ritirerà parzialmente verso ovest, lasciando un piccolo spiraglio alle correnti perturbate atlantiche verso l’Europa centrale ed anche al nord Italia. Esse però non saranno in grado di apportare alcun peggioramento del tempo degno di menzione, poichè risulteranno deboli e con direttrice prevalente nord-occidentale: in buona sostanza gli ingredienti necessari per mantenere condizioni di tempo pressochè soleggiato sulle nostre zone anche in assenza dell’alta pressione. Una debole perturbazione è attualmente in transito sull’Europa centrale, con la sua coda che riesce malapena a “sporcare” i cieli sul pinerolese e a richiamare venti piu’ umidi meridionali alle medie-basse quote, i quali sono (e saranno) la causa della formazione di nubi basse e/o banchi di nebbia in pianura; dopo un breve intermezzo con una ventilazione blanda in quota da W-NW tra domani e domenica, tra domenica e lunedì transiterà un veloce fronte freddo piu’ organizzato che avrà come unico risultato quello di attivare altre raffiche di Foehn diffuse nella giornata di lunedì. La cartina sottostante mostra la situazione barica a livello europeo prevista per la giornata di domani:

Si nota la fascia anticiclonica estesa tra il basso Atlantico, la penisola iberica ed il nord Africa, con le correnti perturbate atlantiche che riescono ad infiltrarsi sul nord Italia sebbene il flusso principale scorra a latitudini piu’ settentrionali. Freddo vero presente solo su Scandinavia ed Europa orientale.

La giornata di domani sarà caratterizzata da cielo per lo piu’ sereno o poco nuvoloso in valle per velature in veloce transito da W-NW verso E-SE, mentre in pianura il soleggiamento si ridurrà alla tarda mattinata ed al primo pomeriggio per la presenza di nubi basse e/o banchi di nebbia mattutini e serali. Ventilazione moderata sulle zone al confine con la Francia, debole o assente altrove. Temperature minime lievemente sottozero in pianura, poco superiori agli 0 °C in media-bassa valle e nuovamente sottozero oltre i 1500 metri; massime intorno o poco inferiori ai 10 °C in pianura, poco superiori agli 0 °C a 2000 metri.

La giornata di domenica trascorrerà con tempo simile a quello di domani fino al pomeriggio, con cielo sereno o poco nuvoloso in valle e nubi basse e/o banchi di nebbia in pianura, in dissolvimento almeno parziale nel pomeriggio. Dal tardo pomeriggio e soprattutto in serata aumento della nuvolosità sui rilievi al confine con la Francia per l’arrivo del fronte freddo da NW, associata a deboli nevicate. Rinforzo progressivo della ventilazione in media-alta valle, con raffiche moderate già nel pomeriggio e a tratti intense in serata; lieve aumento della ventilazione anche in pianura, che ridurrà ai minimi termini la formazione di nubi basse e nebbie in serata. Temperature minime in aumento in pianura, con valori ovunque di poco sopra lo zero; massime in lieve calo in pianura, con valori intorno o poco superiori ai 5 °C, mentre in media-bassa valle si porteranno verso i 10 °C (con picchi superiori) a causa dei venti di Foehn.