La modesta perturbazione di mercoledì, che è riuscita nel suo “piccolo miracolo” di portare un quantitativo di precipitazioni sul pinerolese anche superiore ai 10 mm, non si rivelerà un caso isolato in mezzo al solito dominio del sole ma sarà solo l’antipasto ad un piu’ serio peggioramento del tempo che avverrà proprio durante questo weekend. Un vortice depressionario colmo di aria molto fredda dalla Scandinavia sta per scendere verso la Francia per poi approfondirsi tra il Mar Ligure e la Costa Azzurra, portando maltempo e freddo quasi da pieno inverno sulle nostre zone a partire dal pomeriggio-sera odierno: un ingresso netto delle correnti fredde artiche dalla cosiddetta “porta del Rodano” che da molto tempo mancava sull’Italia, capace di produrre (finalmente) nevicate anche di un certo peso fino a quote basse nonostante la stagione abbastanza avanzata. La cartina sottostante mostra la situazione barica a livello europeo prevista per la prossima notte:

Si nota il profondo vortice depressionario freddo centrato proprio sul Mar Ligure, alimentato da aria molto fredda per il periodo di origine artico-scandinava che investirà in modo piu’ diretto Francia e Germania (dove potrà nevicare fino al piano); l’aria fredda entra prepotentemente sul Mediterraneo centro-occidentale, rientrando da S-SE sul Piemonte. Sul vicino Atlantico ecco l’anticiclone che si allunga fin quasi verso la Groenlandia, facendo da “scivolo” verso sud all’aria artica piu’ ad est.

Dopo la fase più turbolenta prevista tra oggi e domani, il vortice depressionario si sposterà verso il centro Italia favorendo un parziale miglioramento del tempo sul pinerolese tra domani sere e domenica mattina. Tuttavia, l’arrivo di un ultimo impulso freddo dalla Francia causerà un nuovo moderato peggioramento del tempo nel pomeriggio-sera di domenica, con altre precipitazioni localmente a carattere di debole rovescio e quota neve sempre bassa per il periodo.

La giornata odierna inizierà con cielo sereno o poco nuvoloso fino alle 12-13, ma poi aumenterà vistosamente e rapidamente l’instabilità con numerosi rovesci o temporali anche di forte intensità, con direttrice prevalente da S-SE verso N-NW. L’ingresso di aria via via più fredda alle alte quote farà crollare le temperature in pochi minuti, passando in pianura dai circa 15 °C delle 13 ai circa 5 °C delle 17-18 con punte addirittura inferiori nelle zone interessate dai fenomeni più intensi! Sarà concreta la possibilità di assistere a grandinate con chicchi di piccole dimensioni, neve tonda o addirittura veri e propri fiocchi di neve (senza attecchire al suolo) fino in pianura; la quota neve subirà un netto calo, passando dai 1000-1200 metri alle prime precipitazioni ai 500-600 metri nel tardo pomeriggio. Fenomeni anche a carattere di rovescio ma meno diffusi per tutta la serata, concentrati soprattutto sui rilievi e zone di pianura adiacenti e con quota neve sempre intorno ai 500 metri. Ventilazione a tratti forte, soprattutto nelle zone interessate dai temporali più intensi.

La giornata di domani sarà caratterizzata da cielo per lo più nuvoloso o coperto, con precipitazioni a tratti anche a carattere di debole rovescio con direttrice da E-NE verso W-SW. Fenomeni più probabili ed insistenti spostandosi verso il cuneese. Tendenza a miglioramento in alta valle nel corso della serata, con probabili schiarite. Quota neve sui 500-600 metri in mattinata, in salita fino a 700-800 metri nel pomeriggio-sera. Temperature minime in pianura poco inferiori ai 5 °C, mentre le massime non dovrebbero riuscire a raggiungere i 10 °C, con sensazione di freddo accentuata da una ventilazione moderata.

La giornata di domenica partirà con cielo irregolarmente nuvoloso in mattinata ma con schiarite a tratti ampie, mentre nel pomeriggio-sera la nuvolosità tornerà temporaneamente ad aumentare, con cielo coperto e nuove precipitazioni deboli-moderate concentrate soprattutto sui rilievi e zone pedemontane adiacenti. Quota neve sui 700-800 metri, ma con locali sconfinamenti più in basso. Tendenza a miglioramento in tarda serata. Ventilazione ancora moderata dai quadranti orientali. Temperature minime in calo, con valori intorno agli 0 °C in pianura; massime in aumento con valori poco superiori ai 10 °C.

Entro domenica sera potranno cadere anche piu’ di 50 mm sulla pianura pinerolese, in stretta dipendenza anche dall’intensità dei fenomeni temporaleschi del tardo pomeriggio odierno. Oltre gli 800-1000 metri potranno cadere 20-30 cm di neve fresca, con accumuli anche superiori ai 50 cm oltre i 1500 metri (zona di Prali forte candidata). La cartina seguente evidenzia i buoni accumuli previsti fino al pomeriggio di domani, che contribuiranno alla gran parte delle precipitazioni attese nel weekend: