La stagione primaverile è ormai entrata nel pieno del suo vigore e con essa ritorna prepotentemente anche la classica instabilità atmosferica, una delle situazioni più complesse per le previsioni meteo. Dopo un weekend che ha mostrato questa classica imprevidibilità, soprattutto nella giornata di sabato, anche la settimana entrante sarà caratterizzata da una spiccata instabilità con rovesci e temporali che da martedì in avanti potranno interessare a più riprese la fascia montuosa e le pianure.

Solamente la giornata di lunedì trascorrerà con un basso rischio di precipitazioni, per lo più comunque relegate ai rilievi nelle ore pomeridiane per lo sviluppo di nuvolosità cumuliforme in un contesto ampiamente soleggiato. Da martedì invece l’approssimarsi di un debole minimo depressionario verso il Mediterrano porterà l’afflusso di correnti più umide che causeranno un netto aumento dell’instabilità pomeridiana.

Nonostante non avremo a che fare con un vero transito di un fronte perturbato i fenomeni temporaleschi potranno comunque risultare a tratti forti o moderati, in particolare tra mercoledì e giovedì che dovrebbero risultare le giornate più a rischio. Il copione quotidiano sarà sempre il medesimo, con mattinate più soleggiate e primi fenomeni sui rilievi che entro il primo pomeriggio si estenderanno anche sulle zone di pianura.

Le temperature resteranno generalmente stabili intorno ai 20/22 °C nei valori massimi salvo una debole flessione a metà settimana. Laddove però i fenomeni saranno più intensi saranno ovviamente possibili cali termici più marcati a causa delle precipitazioni. Valori termici stabili anche in quota con lo zero termico intorno ai 2500m.

Buona settimana a tutti!