Eccoci giunti alla fase clou di questa ennesima (e stavolta esagerata) ondata di caldo africano della stagione estiva 2022, con l’anticiclone africano che, dopo aver colpito duramente l’Europa occidentale ad inizio settimana, si è portato con maggior decisione sul bacino del Mediterraneo dove proverà a resistere a lungo. Ribadiamo ancora una volta che questo non è il classico caldo estivo mediterraneo che una volta portava (ad eccezione di qualche anno particolare) temperature mai oltre i 35 °C di giorno e notti gradevoli, grazie alla costante presenza dell’anticiclone delle Azzorre che a tratti permetteva l’arrivo di aria più fresca ed instabile.

La giornata odierna si sta dimostrando veramente bollente sul pinerolese, con temperature massime in pianura diffusamente oltre i 35 °C (punte fino a 37-38 °C) e partendo da temperature minime mattutine già intorno ai 25 °C. Tuttavia c’è da segnalare il ritorno di un minimo di instabilità pomeridiana-serale essenzialmente sui rilievi, grazie ad un temporaneo lieve cedimento dell’anticiclone in alta quota in concomitanza al passaggio oltralpe di una debole saccatura depressionaria atlantica; non è da escludere un seppur parziale interessamento delle zone di pianura, data la massa d’aria bollente presente alle basse quote pronta a sfornare qualche isolato ma forte temporale alla prima infiltrazione diaria appena più fresca in quota. Il grande caldo non verrà intaccato se non durante i fenomeni temporaleschi, seppur tra domani e domenica le temperature massime perderanno 2-3 °C e la soglia dei 35 °C verrà raggiunta con più difficoltà in pianura. La cartina sottostante mostra la situazione barica a livello europeo prevista per la giornata di domani:

Si nota l’estesa fascia anticiclonica che ingloba il basso Atlantico (anticiclone delle Azzorre) e tutto il bacino del Mediterraneo (anticiclone africano). Le correnti instabili/perturbate atlantiche riescono però ad interessare l’Europa centrale, lambendo le Alpi e favorendo quindi un aumento dell’instabilità sui rilievi.

Tra la giornata di domenica e quella di lunedì l’anticiclone africano tornerà a farsi più cattivo sul nord Italia, riportando caldo veramente intenso in pianura con temperature massime di lunedì nuovamente oltre i 35 °C.

La giornata di domani partirà con cielo per lo più sereno o poco nuvoloso, ad eccezione di un veloce passaggio instabile ad inizio mattinata con qualche isolato rovescio sui rilievi in veloce spostamento da ovest verso est. Nel corso del pomeriggio aumento dell’instabilità a partire dai rilievi, con rovesci e temporali sparsi che potranno interessare anche le zone di pianura entro sera; non esclusi fenomeni intensi dato il gran caldo presente alle basse quote. Miglioramento in tarda serata. Venti generalmente deboli, con rinforzi momentanei anche decisi durante i fenomeni temporaleschi. Temperature minime in leggero calo, con valori in pianura poco oltre i 20 °C; massime in lieve calo, con punte fino a 34-35 °C, ma con cali più evidenti e momentanei nelle zone interessate dai temporali.

La giornata di domenica trascorrerà con cielo per lo più sereno poco nuvoloso, ad eccezione sempre dell’instabilità pomeridiana-serale sui rilievi che però risulterà più attenuata rispetto a domani e senza il coinvolgimento delle zone di pianura. Ventilazione generalmente debole, con locali rinforzi durante gli eventuali temporali. Temperature minime circa stazionarie, con valori in pianura poco oltre i 20 °C; massime stazionarie o in aumento di 1-2 °C, con la soglia dei 35 °C che potrebbe essere localmente di nuovo toccata in pianura.